giovedì 3 dicembre 2015

Arvogno - Lago di Panelatte

Escursione in valle Vigezzo, su uno degli itinerari considerati tra i più belli delle valli dell'Ossola

Lago  Panelatte con  Pizzo Ruggia e Pizzo Fontanalba
Lago  Panelatte con  Pizzo Ruggia e Pizzo Fontanalba 

Siamo ad Arvogno, frazione di Toceno. Parcheggi facili e gratuiti lungo la strada che porta all'inizio del sentiero.
Come arrivare: Arvogno si raggiunge da Santa Maria Maggiore prendendo la deviazione per Toceno, lungo la SS 337 che attraversa la valle Vigezzo. Giunti a Toceno, in centro paese, si trovano in cartelli bianchi con l'indicazione per la località Arvogno. Nei pressi del rifugio del Moro sono presenti numerosi parcheggi, altre possibilità di lasciare l'auto nei pressi della seggiovia, lungo la strada che scende al fiume Melezzo e diventa a divieto d'accesso, poco dopo l'attacco del sentiero per il passo di Fontanalba (direzione da seguire per il lago di Panelatte).


Arvogno stazione seggiovia (1220 m s.l.m.) - Alpe Villasco (1642 m s.l.m.) - Alpe i Motti (1814 ms.l.m.) - Cappella san Pantaleone (1992 m s.l.m.= - Lago Panelatte (2063 m s.l.m.).
Siamo in uno degli angoli considerati tra i più belli dell'intera val d'Ossola, nella valle d'Arvogno, dove un lunghissimo sentiero scalinato porta al lago Panelatte, situato nella testata alta della ticinese valle Onsernone. Se il paesaggio è davvero unico e meraviglioso, con l'inconfondibile forma della Pioda di Crana che ci accompagna per buona parte del percorso e le suggestive torri del Pizzo Ruggia e Pizzo Fontanalba, che assomigliano a vere e proprie piramidi egiziane specchiandosi nel lago Panelatte, l'escursione consente di ammirare il tracciato costruito a piode (si parla di 1700 o forse più) che venne costruito in epoche remote per facilitare la salita e discesa di uomini e animali ai numerosi alpeggi presenti in tutta la vallata. L'itinerario ben segnalato e fattibile da chiunque con un po' di allenamento sale in maniera graduale e non è mai troppo faticoso nonostante il discreto dislivello, su di una distanza non troppo lunga; laddove non ci fossero le indicazioni per il lago di Panelatte si segue il tracciato per il  
Dalla stazione della seggiovia si scende, sulla strada asfaltata, verso il torrente Melezzo; poco dopo il ponte, ammirata la suggestiva cascatella sottostante, si incontra, sulla destra, il bivio con le indicazioni delle numerose escursioni, tra le quali il “nostro” lago Panelatte.  Il sentiero, poco più a monte, raggiunge la strada appena abbandonata che si fa sterrata ed attraversa, con un ponte in ferro, il rio Verzasco, fino ad arrivare in pochi minuti all'Alpe che porta il nome del torrente dove, sulla sinistra, si diparte il sentiero per la Pioda di Crana. Ignorato il bivio (da tenere comunque presente per una prossima gita) si esce dal piccolo nucleo di baite perdendo leggermente dislivello e ci si addentra nel bosco, iniziando a salire per il tracciato lastricato. Continuando nell'ascesa s'incontrano le suggestive alpe Villasco e alpe Motti (rispettivamente ad 1 ora ed 1 ora e 30 minuti circa di cammino da Arvogno). La cappella di Pantaleone (utilizzata anche come punto di rifugio, in caso di tempo avverso), appena sotto il passo di Fontanalba, si raggiunge in un'altra mezzora di cammino; siamo a buon punto per la nostra meta: si prosegue piegando a sinistra per l'ultimo tratto di salita, per procedere poi in falsopiano, seguendo ometti in pietra, nell'ultimissimo scorcio di sentiero verso il lago di Panelatte (a 20 minuti dalla cappella). Il panorama è davvero maestoso: circumnavigando il lago possiamo ammirare il Pizzo Ruggia e il Pizzo Fontanalba che si specchiano nelle acque ed assomigliano davvero alle famose piramidi d'Egitto.
Dopo la sosta “mangereccia” sono rientrato al punto di partenza per lo stesso itinerario fatto all'andata. 
Per un contatto diretto e quotidiano abbiamo creato la pagina Facebook dove è possibile segnalare  eventi e manifestazioni. Un bel Mi Piace è sempre gradito! 

Alpe Verzasco
Alpe Verzasco, a pochi minuti dalla partenza dalla sggiovia di Arvogno

Pioda di Crana in bianco e nero
L'inconfondibile profilo della Pioda di Crana, raggiungibile con il sentiero che parte dall'alpe Verzasco

Sentiero scalinato
Abra sul sentiero dai 1700 gradini

Sentiero a scalini di Arvogno

Aghi di pino
Aghi di pino

Valle dArvogno

Fontana in sasso all'alpe Villasco
Fontana in sasso all'alpe Villasco

Ambra all'alpe i Motti
Ambra all'alpe i Motti

Ambra all'alpe i Motti

Lago  Panelatte
Lago  Panelatte con Pizzo Ruggia e Pizzo Fontanalba

Panorama valle Arvogno in bianco e nero

Panorama valle Arvogno in bianco e nero

Abbraccio tra legno e sassso in bianco e nero
Abbraccio tra legno e sassso

Abbraccio tra legno e sassso

Abbraccio tra legno e sassso
 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...