martedì 18 agosto 2015

Andar per funghi nei boschi del lago Maggiore (e dintorni)

Le modalità di raccolta funghi sono abbastanza diverse nei vari territori piemontese, lombardo e ticinese, qualche dritta per muoversi "secondo regolamento".
Fungo Porcino
Fungo Porcino

Il lago Maggiore può davvero essere il territorio ideale per un'abbondante raccolta di funghi, i boschi sono numerosi e spesso non è necessario percorrere troppa strada per portarsi a casa un abbondante "bottino". Tutte le valli piemontesi, ticinesi e varesotte sono mete interessanti da questo punto di vista, le modalità di raccolta sono tuttavia abbastanza diverse nei vari territori e questo articolo vuole dare qualche dritta per muoversi "secondo regolamento".
In generale in Piemonte la raccolta è possibile a seguito di un pagamento tramite bollettino postale, in canton Ticino è libera e gratuita così come in Lombardia (anche se la regione da la possibilità ai comuni di richiedere un pagamento in deroga al regolamento generale).

In caso di dubbi nel riconoscere la commestibilità di una specie è necessario rivolgersi ad uno specialista; Circa la tossicità o meno di un fungo sono diffuse numerose "leggende metropolitane" assolutamente false.
Evitare assolutamente il danneggiamento di natura e specie che non vengono raccolte.
Cominciamo a vedere com'è regolamentata dal 2015 la raccolta in Piemonte.
La raccolta è a pagamento; a seconda delle esigenze si può provvedere al saldo per un titolo valido alla raccolta giornaliera (5,00 €), settimanale (10.00 €), annuale (30,00 €), biennale (60,00 €) o triennale (90,00 ). E' possibile pagare tramite bollettino postale:
Il Conto Corrente Postale è il n. 14274286 intestato a Comunità Montana delle Valli dell’Ossola Serv. Tesoreria. La causale: L.R. 24/2007 Titolo per la raccolta funghi anno/......
E' possibile pagare una cifra inferiore in caso s'intenda effettuare la raccolta in una specifica area o comunità montana, ci sono aree protette e zone in cui la raccolta ha modalità specifiche: sul sito della regione Piemonte è possibile avere tutte le informazioni specifiche (Link)
La quantità massima individuale e giornaliera è di 3 Kg.
Vediamo com'è la situazione in Lombardia ed in particolar modo nel varesotto.
La disciplina è diventata regionale, il tesserino per la raccolta funghi è valido su tutto il territorio lombardo, vale 5 anni ed è gratuito. Attenzione però che i Comuni possono stabilire una deroga ed introdurre delle norme differenti prevedendo tessere a pagamento ai fini di compensazione ambientale (a modalità giornaliera, settimanale, mensile, annuale).
La quantità massima individuale e giornaliera è di 3 Kg.
Per finire le modalità per la raccolta funghi nel canton Ticino.
La raccolta è libera e gratuita ad eccezione di eventuali riserve naturali protette.
La quantità massima individuale e giornaliera è di 3 Kg.
A questo Link le norme e le modalità valevoli per la raccolta funghi in Svizzera (differente a seconda dei vari Cantoni).
Nella gallery fotografica, alcune immagini di funghi commestibili che possono essere facilmente trovati e raccolti andando per boschi sul lago Maggiore (e dintorni).
I due libri consigliati per chi vuole approfondire l'argomento funghi, il primo contiene un utile Dvd, il secondo contiene anche delle ricette e delle splendide fotografie.

Guida completa al riconoscimento dei funghi, con DVD – 25 giu 2014 di L. La Chiusa 

Su un argomento tanto affascinante quanto delicato quale i funghi, la guida di un micologo esperto per imparare a conoscerli, a individuarli, a distinguerli dagli "affini" e sapere se sono commestibili o velenosi. Con rigore e chiarezza, questo libro insegna a riconoscere i funghi italiani e i più diffusi funghi europei, ne descrive i caratteri morfologici e offre le chiavi di individuazione dei generi. Con indicazioni sull'habitat e le condizioni meteo e stagionali, i consigli sui momenti migliori per raccoglierli. Ricco di fotografie a colori, è corredato da un DVD di consigli pratici per la corretta ricerca e raccolta, il tutto in armonia con la tutela dell'ambiente. Un'opera aggiornata che permetterà di conoscere meglio e apprezzare il complesso mondo dei funghi, rendendo ancora più appassionante il contatto con la natura e l'attività di ricerca.

I profumi e i colori dei funghi evocano immediatamente l'affascinante e misterioso mondo del bosco. Per catturarne i sapori, però, occorrono un tocco di maestria e un pizzico di creatività. Lo chef pluristellato Régis Marcon ci insegna tutto sui funghi - come pulirli, come cuocerli e come conservarli per poi rivelarci le sue ricette. Dall'antipasto al dolce, dal carpaccio di porcini ai cantarelli gialli al liquore alla pesca, passando per la trota fario alle mazze di tamburo e i ravioli morbidi di topinambur al tartufo: è la foresta intera che ci entra nel piatto. Una vera festa anche per gli occhi. 
Se vuoi esplorare il territorio del Verbano vai alla Homepage e scegli tra i vari menù di navigazione: oltre ad articoli d'interesse generale ci sono parchi, giardini e musei particolarmente indicati per bambini e famiglie, trovi punti d'interesse, i luoghi dichiarati dall'unesco Patrimonio dell'Umanità, chiese, cascate, ristoranti e moltissimo altro ancora. Tutto il materiale è originale e appositamente realizzato per questo progetto.
Per un contatto diretto c'è anche l'apposita pagina Facebook a cui puoi metter un bel mi piace ed eventualmente segnalare qualche evento interessante!
rni).
Funghi "Chiodini"
Funghi "Chiodini"

Funghi "Porcini"
Funghi "Porcini"

Fungo "Ferè"
Fungo "Ferè"

"Mazza di Tamburo"
"Mazza di Tamburo"

"Mazza di Tamburo"

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...