mercoledì 29 luglio 2015

Festival del Cinema di Locarno 2015

E' giunta alla 68° edizione l'importante manifestazione che si tiene in Piazza Grande a Locarno, sulle rive del lago Maggiore.



Nel corso degli anni il festival ha saputo ritagliarsi uno spazio importante al fianco delle rassegne più note di Cannes e Venezia, portando alla ribalta autori  alla prima o seconda esperienza cinematografica.
Tra le particolarità e le unicità di Locarno ci sono le proiezioni serali, nella cornice della bellissima e suggestiva piazza Grande, dove è istallato uno degli schermi più grandi d'Europa.
Accanto allo spazio serale di piazza Grande, capace di 8000 spettatori, Locarno ha predisposto altre sedi per la proiezione dei film: L'Auditorium Fevi, Cinema ex Rex, Cinema Rialto 1 e 2,  La Sala, L'altra sala, Pala Video e Teatro Kursaal.

lunedì 27 luglio 2015

Sassariente e muro dei Polacchi

Escursione sui monti sopra Locarno con visita al muro dei Polacchi, monti di Ditto e salita alla cima del Sassariente.
Transitando sulla piana di Magadino, nei pressi dell'aeroporto, dirigendosi verso Locarno, la si distingue bene la cima del Sassariente: una piccola cupoletta sormontata da una croce, con di fianco la cima di Sassello, più ampia e larga. La gita è decisamente bella, con meravigliosi panorami sul lago Maggiore e valle Verzasca, un piccolo grazioso laghetto, un villaggio caratteristico con una piccola chiesa in splendida posizione panoramica e, ciliegina sulla torta, il “muro dei Polacchi” una costruzione di pietra che raggiunge la cima del monte Sassello.  In auto in località Cugnasco, tra Riazzino e Gudo, si trovano le indicazioni per monti di Ditto. Seguendo i cartelli, si risale la piccola stradina asfaltata, oltrepassando il caratteristico villaggio di monti di Ditto (assolutamente meritevole di una visita, magari al rientro dall'escursione) fino ai monti di Motti. Sì può partire da qui (c'è il bel laghetto di cui parlavo all'inizio), o proseguire sulla strada con divieto di accesso per qualche centinaio di metri fino ad incontrare sulla sinistra l'inizio del sentiero (ben segnalato).  L'escursione è per lunghi tratti nel bosco con alcuni varchi panoramici sul lago Maggiore e sulla parete rocciosa del Sassariente. Bolli bianchi e rossi, oltre che cartelli gialli all'altezza dei vari incroci sono ben posizionati, così come ben disegnato è il sentiero che porta in vetta (i metri di dislivello sono circa 700) senza mai fare eccessiva fatica. Salendo, numerosi alberi abbattuti, sul fianco del sentiero, testimoniano bene la durezza dell'inverno del 2013 con neve talmente abbondante da falcidiare un numero considerevole di vegetazione. Senza forzare il passo, in circa un'ora e trenta minuti, si arriva al muro dei polacchi, inconfondibile e veramente interessante opera a secco risalente a metà del novecento. La costruzione è davvero imponente, alta un paio di metri, lunga circa due chilometri, raggiunge la vetta della cima del Sassello. Ci parla di storia locale e in qualche modo delle opere, di vario genere, realizzate dagli internati in canton Ticino al tempo della seconda guerra mondiale. Francesi e polacchi si erano rifugiati in Svizzera per sfuggire all'avanzata delle truppe tedesche: se i primi rimasero in terra elvetica per pochi mesi, i secondi vi soggiornarono per molto più tempo venendo utilizzati per lavori di utilità pubblica. Il muraglione si pensa servisse per come barriera per le capre e probabilmente è falsamente attribuito ai polacchi essendo stato costruito attorno al 1950, diversi anni dopo la loro partenza dal Ticino. Attraversato il muro dopo poche centinaia di metri si perde quota fino arrivare alle pendici del Sassariente: segnalato in bianco e blu (tracciati consigliati ad escursionisti esperti) questa parte di sentiero, attrezzata con catene e passerelle in legno, è comunque fattibile da tutti con un minimo di prudenza. La croce di vetta, dopo un breve canalino in cui si sale aiutandosi con le mani, si raggiunge in circa 2 ore dalla partenza. La vista premia l'escursionista per ogni sforzo fatto: lago Maggiore, piana di Magadino con il Ticino che sfocia nel Verbano, Ascona e Locarno, isole di Brissago ed un piccolo spicchio del lago di Lugano; tra le cime il Tamaro, il Gambarogno, il Pizzo di Vogorno ed il Poncione d'Alnasca, giusto per nominarne qualcuna.  Per rientrare alla base si ridiscende fino al muro dei Polacchi, meritevole di una ampia deviazione, per poi ripercorrere il sentiero fatto all'andata. I più bravi possono risalire tutto il muro fino alla vetta del Sassell, ridiscendendo dal versante opposto: per parte mia, preoccupato da alcuni pezzi un po' aerei e dalla possibile presenza di qualche vipera, ho preferito rinunciare.

Siamo a Monti di Motti, parcheggio gratuito ai bordi della strada.

Come arrivare: poco dopo Riazzino, prima di Gudo, sulla cantonale che conduce a Sementina e poi a Bellinzona. si trova (svolta a sinistra) la strada che sale a monti di Motti. 
Monti di Motti (1062 m s.l.m.) - Sassariente (1768 m s.l.m.). 
Transitando sulla piana di Magadino, nei pressi dell'aeroporto, dirigendosi verso Locarno, la si distingue bene la cima del Sassariente: una piccola cupoletta sormontata da una croce, con di fianco la cima di Sassello, più ampia e larga. La gita è decisamente bella, con meravigliosi panorami sul lago Maggiore e valle Verzasca, un piccolo grazioso laghetto, un villaggio caratteristico con una piccola chiesa in splendida posizione panoramica e, ciliegina sulla torta, il “muro dei Polacchi” una costruzione di pietra che raggiunge la cima del monte Sassello.

mercoledì 22 luglio 2015

Abbazia di san Donato a Sesto Calende

Visita alla bellissima chiesa di origini romaniche di san Donato a Sesto Calende, in provincia di Varese.
Interno della chiesa di san Donato con l'organo
Interno della chiesa di san Donato con l'organo


Siamo a Sesto Calende in provincia di Varese, ampio parcheggio gratuito all'esterno dell'abbazia.
La chiesa si trova in Largo Cardinal dall'Acqua, in località un tempo chiamata Scozola; E' fuori dal centro città ma è comunque ben segnalata.

Ha una storia molto articolata l'abbazia di san Donato, dal punto di vista storico, artistico e religioso.
Storicamente è molto antica: risale al IX – X secolo, voluta dal vescovo di Pavia Liutardo De' Conti (assieme all'annesso monastero andato successivamente distrutto) e venne edificata sui resti di un tempio pagano che era dedicato al culto degli dei.
La località in cui si trova è importante: denominata Scozola era luogo di transito e di culto (il lago Maggiore un tempo formava un'insenatura che era sfruttata come porto) con l'area adiacente dove è presente un altro antico luogo di culto, l'abbazia di san Vincenzo, oltre al masso erratico denominato Sass di Preja Buja.

martedì 21 luglio 2015

La "spiaggia" sotto il ponte Romano a Intragna

Fare il bagno in un luogo incantevole  nelle Centovalli: acqua cristallina e rocce, con il panorama del ponte costruito nel 1578.
Il Ponte Romano sul fiume Melezza ad Intragna nelle Centovalli
Il Ponte Romano sul fiume Melezza ad Intragna nelle Centovalli

Siamo a Intragna, nelle Centovalli, in canton Ticino. Spiazzo per parcheggiare lungo la cantonale appena fuori il centro paese. Intragna, oggi frazione di Centovalli, si trova a pochi chilometri da Losone e Locarno. In auto la direzione da seguire è, inizialmente, la stessa della valle Maggia, valle Onsernone e Centovalli; a Ponte Brolla si procede verso sinistra. Superati i paesi di Tegna, Verscio e Cavigliano si arriva ad Itragna dall'inconfondibile campanile (il più alto del canton Ticino). Il paese va attraversato fino a trovare, dopo poche centinaia di metri, le indicazioni gialle dei sentieri.

Le Centovalli, attraversate dalla famosa linea ferroviaria a scartamento ridotto che collega Locarno a Domodossola, è bellissima e merita davvero di essere visitata. Nel post voglio parlare, vista la stagione caldissima, di un luogo particolarmente attraente per tutti coloro che amano prendere il sole e fare un bagno rinfrescante: le acque e le rocce del torrente Melezza sotto il ponte Romano. Non è sicuramente una spiaggia nell'accezione normale del termine ma il luogo lascia davvero a bocca aperta: natura incontaminata, acque cristalline, rocce bianche, sotto uno splendido ponte in sasso che risale al 1578.

martedì 14 luglio 2015

Fuochi artificiali e spettacoli pirotecnici 2015 in canton Ticino

Estate 2015: una selezione di spettacoli pirotecnici in canton Ticino tra luglio e agosto. Le date dei fuochi artificiali a Lugano, Brissago, Ascona, Locarno e Campione d'Italia.

Estate 2015, fuochi d'artificio in canton Ticino
Estate 2015, fuochi d'artificio in canton Ticino
Sono amatissimi da grandi e bambini e consentono di apprezzare le nostre bellissime città sotto una luce tutta particolare; il lago (Maggiore e di Lugano) con i suoi riflessi aggiunge fascino al fascino.
Dopo l'articolo con alcune date nel varesotto e in Piemonte (link al post), in località nei pressi del lago Maggiore, eccovi una piccola selezione di spettacoli di fuochi d'artificio in canton Ticino.


Sabato 18 luglio a Brissago sul lago Maggiore (in caso di maltempo l'evento si terrà domenica 19 luglio).

Sabato 25 luglio "Luci ed Ombre" a Locarno Muralto sul lago Maggiore (inizio spettacolo ore 22:45, in caso di maltempo l'evento si terrà domenica 25 luglio).

Sabato 25 luglio a Campione d'Italia sul lago di Lugano 


Sabato 1 agosto  a Lugano sul lago di Lugano, in occasione della Festa Nazionale Svizzera.
Al momento l'intero programma è confermato. Nel caso di un peggioramento delle condizioni meteo, l'eventuale posticipo dello spettacolo pirotecnico al 2 agosto verrà comunicato entro le 19:00 di sabato 1. agosto, tramite il sito www.lugano.ch e ai media.

Sabato 2 agosto "Luci ed Ombre" ad Ascona sul lago Maggiore (inizio spettacolo ore 22:15). Inizialmente previsti in occasione della Festa Nazionale Svizzera, il 1° agosto sono stati rimandati al giorno successivo per condizioni meteo incerte.

lunedì 13 luglio 2015

Spiaggia di Avegno Gordevio in Vallemaggia

Fare il bagno e prendere il sole in un luogo incantevole a due passi dal lago Maggiore.

La spiaggia di Avegno Gordevio
La spiaggia di Avegno Gordevio


Siamo ad Avegno Gordevio in valle maggia, canton Ticino. parcheggio gratuito sulla cantonale.
Come arrivare: Avegno Gordevio si trova nella bassa Val Maggia, a pochi minuti da Ponte Brolla, punto d'ingresso della valle.

La Vallemaggia è luogo d'incantevoli meraviglie, spesso non è necessario fare lunghe passeggiate per raggiungere alcuni di questi posti. Vista la stagione e le previsioni meteo che promettono tempo bello e stabile per diversi giorni con temperature alte ed afa, voglio parlare di una spiaggia bellissima e facilmente raggiungibile dove è possibile prendere il sole, fare il bagno e godersi una natura indimenticabile. Siamo ad Avegno Gordevio proprio all'imbocco della valle: passato il bivio di Ponte Brolla (dove c'è anche la fermata del trenino per le Centovalli nel comune di Tegna) si costeggia il fiume per poche decine di metri, fino ad incontrare un ponte pedonale che consente di raggiungere la sponda opposta della Maggia. 

Jazz in Maggiore 2015

Il programma dell'edizione 2015 di Jazz in Maggiore.


Giovanni Falzone e Francesco Bearzatti a Luino, Parco a Lago, edizione 2014 di Jazz in Maggiore
Giovanni Falzone e Francesco Bearzatti a Luino, Parco a Lago, edizione 2014 di Jazz in Maggiore

Jazz in Maggiore è giunto alla 7a edizione e propone spettacoli nell'alto varesotto per lo più con entrata gratuita. Tra i luoghi ne segnalo alcuni: il parco a lago, casa Rossi, Camin Hotel a Luino (e Colmegna), Palazzo Perabò a Cerro di Laveno, Auditorium di Maccagno e parco San Giulio a Cittiglio.

Di seguito il programma con le date di luglio e agosto, inizio di tutti i concerti ore 21:15.

Venerdì 24 luglio a Cittiglio - Parco San Giulio - Tributo ad Enzo Jannacci - Ingresso libero

Sabato 25 luglio a Luino - Parco a Lago - Magicaboola Bress Band - Ingresso libero

Mercoledì 29 luglio a Colmegna di Luino - Camin Hotel Colmegna - Steps Ahead tribute - Ingresso libero

Venerdì 31 luglio a Germignaga - Piazza del Partigiano - Veronica Sbergia & The Red Wine Serenades - Ingresso libero

Sabato 1 agosto a Luino - Cortile di Casa Rossi - Marcotulli Biondini Duo - Ingresso libero

Domenica 2 agosto a Cerro di Laveno - Palazzo Perabò - Stringsgame Duo - Ingresso libero

Venerdì 7 agosto a Luino - Hotel Camin - Fuego Cinco Quintet - Ingresso libero

Domenica 9 agosto a Maccagno - Auditorium - Joyce Elaine Yuille Trio "Sassy The Divine One" - Ingresso a pagamento (10:00 € - gratuito fino a 14 anni)

Tra i "nomi importanti", presenti a Jazz in Maggiore 2015, c'è la pianista Marcotulli che ha realizzato diversi importanti lavori. Da Amazon ne ho selezionati un paio veramente meritevoli:
Il primo è Koinè:

Il secondo è la colonna sonora di Basilicata Coast to Coast:



mercoledì 8 luglio 2015

Luino


 Visita alla città che ha dato i natali a Vittorio Sereni e Piero Chiara.

Luino: notturno del porto vecchio
Luino: notturno del porto vecchio

Siamo a Luino, nell'alto varesotto, uno dei paesi più belli della costa varesotta del lago Maggiore.

Come arrivare: Luino è situata sulla sponda orientale del lago Maggiore confina con la Svizzera (valichi di Palone e Fornasette) e dista circa 23 chilometri da Varese.

Prendendo in esame la costa orientale del Verbano possiamo affermare che Luino è senz'altro tra i paesi più conosciuti e meritevoli di una visita. Se il mercato di Luino è noto internazionalmente e richiama ogni mercoledì migliaia di visitatori la città merita di essere visitata per diversi motivi.

Il lago innanzi tutto.

Brione (756 m s.l.m.) - Sparvè (1016 m s.l.m.) - Scimarmota (1839 m s.l.m.) - lago di Starlalesc (1870 m s.l.m.)

Bellissima escursione in valle Verzasca partendo da Brione con meta il piccolo e delizioso lago di Starlalesc.

Il Poncione d'Alnasca si riflette nel lago Starlalesc
Il Poncione d'Alnasca si riflette nel lago Starlalesc



Siamo a Brione in valle Verzasca, canton Ticino. Parcheggi gratuiti all'entrata del paese.

Come arrivare: Brione si  trova sul lato sinistro orografico della Verzasca, a Ca 25 Km da Locarno.  A Tenero si deve prendere la cantonale che risale la valle, il villaggio si trova pochi chilometri a monte di Lavertezzo.

Le passeggiate, così come le escursioni e i luoghi d'interesse, presenti sul sito e blog hanno molte provenienze: dalle guide, ai libri, alle cartine, all'immenso mondo di internet, a suggerimenti di amici e conoscenti. Tenendo conto degli argomenti principali di cui sono costituiti (dalle cascate, ai laghi, alla linea Cadorna, alle chiese, ai beni artistici e architettonici) mi piace confrontare e modificare le varie proposte per renderle, quando possibile personali. Spesso mi piace sperimentare, seguire un cartello che porta a qualche luogo sconosciuto di cui non ho mai sentito parlare per vedere “se ne vale la pena”. 
La passeggiata per il lago di Starlalesc è nata in 3 momenti diversi. 

giovedì 2 luglio 2015

Linea Cadorna sul Monte Orsa

Visita alle fortificazioni che s'incontrano salendo alla vetta del monte Orsa sopra Viggiù in provincia di Varese.
Linea Cadorna sul Monte Orsa
Linea Cadorna sul Monte Orsa, la prima parte di fortificazioni

Siamo a Viggiù in Valceresio, provincia di Varese. Parcheggio gratuito lungo la strada per il Monte Orsa una volta oltrepassato il paese.
Viggiù si trova una quindicina di chilometri da Varese ed a poca distanza dalla Svizzera (confine di Gaggiolo, Ligornetto e san Pietro di Stabio). Come arrivare: a Porto Ceresio prendere la provinciale per Arcisate / Bisuschio e svoltare a sinistra per Besano, dove s'incontra l'indicazione per Viggiù.
Una volta attraversato il centro storico di Viggiù, seguendo le indicazioni, si sale verso il monte Orsa lasciando l'auto nei pressi del bivio per il monte S. Elia, dove vi sono alcuni spiazzi per un comodo parcheggio.
Fatti pochi metri in direzione monte Orsa s'incontra, sulla sinistra, il sentiero per il monte Pravello itinerario consigliatissimo di cui ho parlato tempo fa (Link), naturale completamento della gita di oggi.

mercoledì 1 luglio 2015

Le spiagge con balneabilità eccellente sull'intera costa del lago Maggiore

Lidi e spiagge dove l'acqua è più pulita sul lago Maggiore: "bandiere blu" sul Verbano 2016

Acque balneabili sul lago Maggiore

Sono stati recentemente diffusi i dati relativi allo stato delle acque sul lago Maggiore ed alla loro balneabilità. La situazione è andata decisamente migliorando nel corso degli ultimi anni e per il 2017 è possibile fare il bagno in acque limpide nella maggior parte delle spiagge delle coste piemontesi, lombarde e ticinesi. Voglio segnalare le località che hanno superato l'esame a pieni voti e rappresentano l'eccellenza.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...