lunedì 29 giugno 2015

Colmegna di Luino (200 m s.l.m.) – Sasso Cadregone (400 m s.l.m.)

Breve e facile passeggiata a Luino, con partenza dalla frazione di Colmegna e meta il Sasso Cadregone, balcone naturale sul lago Maggiore.
Maccagno dal sasso Cadregone
Maccagno dal sasso Cadregone

Siamo a Colmegna, a pochi chilometri dal centro di Luino, parcheggio gratuito sul lungolago.
Per arrivare a Colmegna bisogna percorrere la SS 394 in direzione Maccagno. Dopo pochi chilometri, dopo un breve rettilineo, una volta oltrepassata la galleria, si può lasciare l'auto proprio di fronte al lago. L'inizio della mulattiera, segnalato da un cartello in legno, si trova alle spalle del Camin hotel Colmegna, pochi metri prima della seconda galleria per Maccagno.
La passeggiata è la naturale prosecuzione dell'itinerario che parte da piazza san Francesco a Luino , sale in Carnella e scende a Colmegna dopo aver attraversato la località Gaggio (descrizione sul blog) ed ha come meta finale il comune di Maccagno. Il percorso purtroppo, in questa seconda parte, è mal segnalato e trascurato e poco invoglia ad essere percorso da chi non è pratico della zona (ed è un vero peccato).

venerdì 26 giugno 2015

Fiori di Fuoco 2015 e Festival di fuochi d’artificio + Vette d'artificio

Il programma delle rassegne di spettacoli pirotecnici tra Lombardia e Piemonte.

Luino fiori di Fuoco 2015
Partirà da Luino, il 28 giugno la rassegna  Fiori di Fuoco 2015

Sono 7 le date della tradizionale manifestazione di fuochi artificiali che si tiene in diverse sedi a cavallo tra Lombardia e Piemonte. Gli spettacoli prendono il via domenica 28 agosto a Luino sulla sponda lombarda del lago Maggiore in occasione della festa patronale di san Pietro e Paolo. Accanto a "Fiori di Fuoco" per gli amanti degli spettacoli di fuochi artificiali tra lago Maggiore, lago d'Orta e valli, quest'anno si tiene il "Festival di Fuochi d'artificio" con altre date e botti di ditte diverse dalla Parente Fireworks.
In forse il tradizionale appuntamento di Laveno Mombello per Ferragosto: al momento è stato annunciato dal comune che i fondi per organizzare la manifestazione non ci sono.

Molto interessante anche la manifestazione inedita "vette d'artificio", con spettacoli pirotecnici in località molto suggestive delle alpi piemontesi. Le date sono 3: Piana di Vigezzo in valle Vigezzo , Macugnaga in valle Anzasca e san Domenico di Varzo in valle Divedro.
Particolarità della manifestazione, che si propone di valorizzare delle bellissime località non troppo distanrti dal lago Maggiore, è la bassa emissione sonora a rispetto degli animali.

A questo Link gli apettacoli di fuochi d'artificio in Canton Ticino e  Campione d'Italia.

giovedì 25 giugno 2015

Chiesa di San Bernardo a Monte Carasso

Visita alla splendida chiesa di origine romaniche, monumento d'interesse nazionale nel bellinzonese.

Chiesa di San Bernardo a Monte Carasso: interno
Chiesa di San Bernardo a Monte Carasso: il coro esulla destra l'antico ingresso

Siamo a Monte Carasso, nei pressi di Bellinzona, parcheggi gratuiti attorno alla funivia per Mornera e a Sementina.
Come arrivare a Monte Carasso: il paese confina direttamente con Bellinzona, sulla sponda orografica destra del fiume Ticino. Da Locarno si può utilizzare la cantonale che passa per Gudo. In paese si trovano le indicazioni per la funivia punto di partenza dell'escursione.
La chiesa di san Bernardo, di origini romaniche e bellissima, è situata sui monti che sovrastano Monte Carasso ed è raggiungibile unicamente a piedi. Le alternative per visitarla sono 3: utilizzare la piccola strada che risale il monte proseguendo a piedi per una quindicina di minuti; scendere alla fermata intermedia della funivia per Mornera situata sempre ad una quindicina di minuti di cammino; effettuare l'escursione direttamente da Monte Carasso (un'ora circa) proseguendo magari per il famoso ponte Tibetano (link all'itinerario ad anello sul sito). 

giovedì 18 giugno 2015

Giardino Alpinia ad Alpino di Stresa

Visita al parco botanico alle pendici del Mottarone con splendida vista sul lago Maggiore.

Il lago Maggiore dal Giardino Alpinia
Il lago Maggiore dal Giardino Alpinia

Siamo ad Alpino, frazione del comune di Stresa. Parcheggio gratuito all'ingresso del parco. Fermata intermedia della funivia di Stresa  lido di Carciano - Mottarone (al momento la funivia è chiusa).
Come arrivare: Seguire, da Stresa, le indicazioni per il Mottarone, prima di arrivare in vetta si seguano le indicazioni per Alpino e parco botanico. 
Il Giardino Alpinia è un'oasi di pace e tranquillità con una bellissima vista sul lago Maggiore; vi si possono ammirare numerose specie botaniche provenienti, per la maggior parte, dall'arco alpino e subalpino delle Alpi, anche se sono presenti diverse specie proveniente da varie parti del mondo.

mercoledì 17 giugno 2015

Biegno (892 m s.l.m.) – S. Anna – Alpe Cedullo – Gambarogno (1734 m s.l.m.)

Bellissima passeggiata tra varesotto e canton Ticino: dalla valle Veddasca al Gambarogno.La dorsale fiorita del monte Gambarogno
La dorsale fiorita del monte Gambarogno
Siamo a Biegno in valle Veddasca. Piccolo spiazzo per parcheggiare nei pressi della stradina per Cangili.
Come arrivare: Biegno fa parte del comune di Maccagno con Pino e Veddasca, recentemente costituitosi. Da Maccagno bisogna prendere la SP5 che risale la valle ed arriva fino ad Indemini e all'Alpe di Neggia in canton Ticino. Biegno è l'ultimo paese prima del confine: poco dopo la chiesa, sulla sinistra, si trova la piccola strada che porta alla frazione di Cangili, punto di partenza dell'escursione.
Il primo tratto dell'escursione segue la strada asfaltata che porta a Cangili, fino a trovare (dopo pochi minuti di cammino), l'indicazione per S. Anna dove inizia il sentiero vero e proprio. Avevo già fatto e raccontato, qui sul sito, questa prima parte della passeggiata; allora la meta era il monte Paglione con discesa verso Monterecchio e ritorno a Biegno passando per Cangili (Link). La natura è oggi (metà giugno) nel pieno del suo splendore: rigogliosa, verdissima e ricca di fioriture, in particolar modo rododendri presenti ovunque qui e sul Monte Gambarogno. 

sabato 13 giugno 2015

Mergozzo (204 m s.l.m.) - Alpe Vercio (828 m s.l.m.)

Bellissima escursione con panorami fantastici sul lago Maggiore, il lago di Mergozzo ed monti circostanti.

Alpe Vercio e panorama sul lago Maggiore
Alpe Vercio e panorama sul lago Maggiore


Siamo a Mergozzo sull'omonimo lago. Parcheggi gratuiti all'uscita de paese nei pressi di via Sempione, a pagamento direttamente sul lago.
Come arrivare: Mergozzo si trova a pochi Km da Gravellona Toce, uscita consigliata provenendo dalla A26. Sulla SS33 c'è l'apposita uscita. Provenendo da Verbania intra, a Fondotoce, prima della rotonda per Gravellona Toce si può arrivare a Mergozzo costeggiando il lago.
L'itinerario classico prevede la partenza da Bracchio, piccola frazione di Mergozzo, raggiungibile facilmente in automobile, ma penso sia preferibile allungare brevemente l'escursione iniziando la gita direttamente dal lago. Il primo tratto è su strada asfaltata, dopo una doverosa e imperdibile visita al bellissimo borgo, Link all'articolo sul blog, prendendo via Bracchio dalla chiesa di Maria Vergine Assunta. Appena s'inizia a salire si può ammirare Mergozzo dall'alto con il suo lago e la caratteristica cima del Montorfano. Altro motivo d'interesse, per gli appassionati di meridiane, una villa privata, al N° 55, con diversi “orologi solari” in granito.

lunedì 8 giugno 2015

Garabiolo (566 m s.l.m.) - ponte romano - Alpe Inent - Alpe Dei - Montagnola (931 m s.l.m.) - Alpe Chedro -



Bellissima passeggiata in valle Veddasca che parte da Garabiolo e s'inoltra per la valle Casmera.

Il panorama su Luino e lago Maggiore dalla località Montagnola

Siamo a Garabiolo, comune di Maccagno con Pino e Veddasca. Parcheggi facili e gratuiti all'ingresso/uscita del paese.
Per arrivare a Garabiolo bisogna risalire la valle Veddasca seguendo la SP5. Si procede dritti al primo bivio per Campagnano, si è arrivati in paese, quando si incontra un secondo bivio. Il sentiero parte dalla piazzetta centrale dove c'è la chiesa con il caratteristico campanile triangolare.

Nella piazzetta centrale, con la chiesa dal caratteristico campanile triangolare (chiesa dell'Annunciazione di maria e di S. Carlo Borromeo) c'è l'evidente cartello che segnala il “ponte romano” (sentiero 122) e s'inoltra per la bella val Casmera, valle laterale della valle Veddasca. Salendo per le viette di Garabiolo, lastricate in sasso, s'incontra subito il caratteristico lavatoio, meritevole di una sosta, per poi continuare per via lago Delio, che porta in pochi minuti nel bosco e, in una mezz'ora al “ponte romano”, di origini, nonostante il nome, molto probabilmente rinascimentali.

lunedì 1 giugno 2015

La cascata Piumogna alta

Giro ad anello in valle Leventina: Faido (711 m s.l.m.) - Piumogna (1399 m s.l.m.) - cascata – Dalpe (1199 m s.l.m.) - Faido.

La cascata Piumogna alta sopra Dalpe
La cascata Piumogna alta sopra Dalpe


Siamo a Faido, in Val Leventina. Parcheggio gratuito vicino al fiume.
Per arrivare a Faido, paese, a nord di Bellinzona, bisogna percorrere l'autostrada che porta al san Goddardo (a pagamento, è necessario avere l'apposito contrassegno annuale) o risalire la valle seguendo la vecchia strada cantonale: appena entrati nel borgo bisogna svoltare a sinistra, passare sotto un ponte ed oltrepassare un supermercato, fino a giungere al fiume dove la cascata è già visibile.
Il torrente Piumogna forma una delle cascate più note del Canton Ticino (la Piumogna appunto) proprio dietro l'abitato di Faido (a questo link l'articolo sul sito); meno nota, ma probabilmente ancora più bella, è la cascata alle spalle dell'abitato di Dalpe. La gita è un bel giro ad anello che parte da Faido, sale al maggengo Piumogna (da dove, volendo si può proseguire per la capanna campo Tencia), scende alla cascata, per poi passare da Dalpe e rientrare al punto di partenza.
Lasciata l'auto nel piccolo parcheggio si attraversa il ponte sul fiume e si continua a sinistra sulla strada asfaltata fino ad arrivare in pochi minuti alla gippabile (seguire le indicazioni per Dalpe) che va seguita per parecchi minuti per poi prendere la deviazione sulla destra che porta nel bosco (la strada peraltro, al momento colpita da una frana ma transitabile con attenzione da pedoni e biciclette arriva comunque fino al paese). 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...