giovedì 18 dicembre 2014

Craveggia, valle Vigezzo

Visita al piccolo borgo in valle Vigezzo ricco di arte, storia e cultura.

Craveggia in valle Vigezzo
Uno degli accessi dalla circonvallazione di Craveggia, da cui consiglio l'inizio della visita


Siamo a Craveggia, uno dei 7 comuni della valle Vigezzo. Parcheggio facile e gratuito alle porte del paese. In alternativa si può prendere la circonvallazione (evitando di percorrere in auto le strette strade cittadine) e lasciare l'auto a monte del paese.

Come arrivare: Craveggia si trova a pochi chilometri da Santa Maria Maggiore e Malesco. Percorrendo la SS 337, provenendo da Santa Maria Maggiore, si trovano, sulla sinistra le indicazione per la strada che sale al paese poco prima di arrivare a Malesco.


E' davvero ricco di fascino il piccolo paese vigezzino. Poco più di 700 abitanti, 833 m s.l.m. e di antiche origini rurali, val la pena cominciare a scoprirlo dall'alto: a monte dalla circonvallazione si possono ammirare in tutta la loro particolarità gli innumerevoli camini, che sono uno dei motivi di vanto e notorietà della cittadina. Sono stati costruiti in epoca remota sopra i tetti in sasso, per volere degli emigranti che avevano fatto fortuna in terre lontane: più erano numerosi ed alti, maggiormente dimostravano la ricchezza della famiglia che li aveva fatti costruire. Ben conservati, contraddistinguono il paesaggio in maniera unica e ci rimandano ad un passato fatto di lavoro e sacrifici ma anche amore per le proprie radici. Naturalmente Craveggia custodisce ulteriori motivi di interesse e vagabondare per le belle stradine regala continue sorprese: case signorili di pregevole fattura, fontane in pietra, edifici religiosi costellano tutto l'abitato. Poi ci sono gli affreschi, per la maggior parte di carattere religioso, di varie epoche e presenti un po' dappertutto: siamo in valle Vigezzo, d'altra parte, ben conosciuta per essere la valle dei pittori. Di grande interesse è poi la piazza principale con 3 importanti edifici rinascimentali: la Parrocchiale dedicata ai SS. Giacomo e Cristoforo, l’Oratorio di Santa Marta e il Battistero. A Craveggia si tiene anche una festa molto caratteristica: la notte delle streghe. Ricca di spettacoli e momenti di animazione per le vie del paese, richiama numerosi visitatori rievocando uno dei momenti più bui e tristi della storia medioevale, la caccia alle streghe appunto.  Su Lago Maggiore e Dintorni numerose altre foto (Link)

Tetti in sasso e camini a Craveggia
Tetti in sasso e camini a Craveggia

Tetti in sasso e camini a Craveggia

Tetti in sasso e camini a Craveggia

Craveggia è un paese riccamente affrescato
Craveggia è un paese riccamente affrescato

Craveggia in valle Vigezzo

Craveggia in valle Vigezzo, fontana in sasso

Craveggia borgo dipinto

Il battistero a Craveggia
Il battistero a Craveggia

camini e tetti in sasso a Craveggia

camini e tetti in sasso a Craveggia

camini e tetti in sasso a Craveggia

camini e tetti in sasso a Craveggia

Cappella di san Bernardino, probabilmente uno dei primi luoghi di culto di Craveggia
Cappella di san Bernardino, probabilmente uno dei primi luoghi di culto di Craveggia

Craveggia in valle Vigezzo

Craveggia in valle Vigezzo

Edifici religiosi nella piazza principale di Craveggia
Edifici religiosi nella piazza principale di Craveggia

Craveggia paese affrescato



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...