venerdì 10 gennaio 2014

Pradecolo (1184 m s.l.m.) - Monte Lema (1624 m .l.m.) - Madonna della Guardia (1248 m .l.m.) - Pradecolo

Bella passeggiata tra varesotto e Canton Ticino


Panorama dall'alpe di Runo
Panorama dall'alpe di Runo
Si parte da Pradecolo, parcheggio gratuito sulla strada C/o il rifugio Campiglio al momento chiuso
Per Pradecolo partendo da Luino si sale verso Dumenza con la SP6, la si oltrepassa assieme alle frazioni di Runo, Stivigliano e Due Cossani. Oltrepassato il piccolo borgo si incontra l'incrocio delle cinque vie con il bivio segnalato (prendere a destra).


La gita di oggi è un percorso ad anello: parte da Pradecolo, con prima meta il Monte Lema, in territorio Svizzero, scende alla chiesa della Madonna della Guardia in territorio italiano, per rientrare alla località di partenza seguendo il tracciato di un'altra gita di cui ho parlato precedentemente sul blog (Link). La salita al Monte Lema è molto appagante - parte in un bel bosco e parte su un sentiero aperto che regala panorami a 360° - è sempre ben segnalata e richiede circa un'ora di cammino. Il primo belvedere è nei pressi dell'alpe di Runo dove c'è anche una fonte ma salendo il panorama si apre ulteriormente fino ad incontrare il sentiero circolare insubrico, un anello in piano, a valle della vetta, con diversi sentieri di accesso alla cima del Lema. La sosta è d'obbligo per ammirare la vista a perdita d'occhio con i laghi Maggiore e di Lugano e innumerevoli vette alpine. Al Lema oltre che da Pradeccolo si sale con numerosi altri sentieri, sia dall'Italia che dalla Svizzera, in generale più lunghi e di maggiore dislivello. Da Migleglia, in territorio elvetico, c'è la funivia, assolutamente da non trascurare nel caso si voglia compiere la famosa traversata Lema – Tamaro o si sia ppassionati di voli con deltaplano o parapendio. La gita prosegue raggiungendo la zona della funivia: da qui bisogna seguire brevemente il sentiero verso il Poncione di Breno e primissimo tratto della “traversata”; nei pressi di una fonte si trovano le indicazioni per l'Alpone (sentiero di sinistra): la chiesa della Madonna della Guardia si raggiunge in una quarantina di minuti. Il belvedere è spettacolare ed i tavolini sono un'invito per una sosta mangereccia. L'Alpone è a pochi minuti per chi volesse farci una piccola visita (e qui sul blog gli ho già dedicato due itinerari: il primo linkato all'inizio del post, il secondo con salita da Curiglia Link). Il sentiero per ritornare a Pradecolo si prende appena sopra la chiesetta: la prima parte è nel bosco, la seconda segue un'ampia carrareccia (all'incirca un'ora di cammino).


Monte Rosa da Pradecolo
Monte Rosa da Pradecolo

Panorama dall'alpe di Runo

Panorama dall'alpe di Runo

Panorama dall'alpe di Runo

Fonte all'alpe di Runo
Fonte all'alpe di Runo

Panorama dall'alpe di Runo

Panorama dall'alpe di Runo

Fonte all'alpe di Runo

Lago Maggiore salendo al Monte Lema

Monte Lema: sentiero circolare Insubrico
Monte Lema: sentiero circolare Insubrico

Panorama dal Monte Lema

Panorama dal Monte Lema

Monte Lema

Panorama dal Monte Lema

Panorama dal Monte Lema
Panorama dal Monte Lema, dall'arrivo della funivia, sullo sfondo il lago di Lugano

Funivia Monte Lema
Funivia Monte Lema

Bivio per l'Alpone
Bivio per l'Alpone

Sentiero per l'Alpone

Panorama dalla Madonna della Guardia
Panorama dalla Madonna della Guardia

Madonna della Guardia
Madonna della Guardia

Sullo sfondo il Monte Lema
Sullo sfondo il Monte Lema

Giochi di luce
Giochi di luce

Giochi di luce

Giochi di luce

Cartelli per Alpone
Cartelli per Alpone 

Cascatella

Lago Maggiore da Pradecolo
Lago Maggiore da Pradecolo

Lago Maggiore da Pradecolo


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...