lunedì 16 dicembre 2013

Curiglia (666 m s.l.m.) - Sarona (934 m s.l.m.) - Alpone Madonna della Guardia (1245 m s.l.m.) - Ca' di Sass (990 m s.l.m.) - Curiglia

Itinerario a piedi in Valle Veddasca con partenza da Curiglia con Monteviasco


panorama di Curiglia
Curiglia

Alpone di Curiglia
Lo splendido panorama dalla Madonna della Guardia sul lago Maggiore


Con il post di oggi torno in Val Veddasca, nell'alto varesotto, con una bellissima passeggiata che ha come punto di partenza Curiglia, prosegue con la visita di Sarona e si conclude in localià Alpone con lo splendido balcone panoramico sul lago Maggiore della chiesetta della Madonna della Guardia.
Il ritorno prevede il passaggio per Cà di Sass in modo di effettuare un bel giro ad anello (volendo allungare un pochino è possibile rientrare da Viasco, la deviazione si incontra durante la discesa verso Cà di Sass). Riassumo per prima cosa le altre gite in zona, belle e numerose:
Ponte di Piero - Mulini di Piero e cascata sul Giona (Link); Ponte di Piero -  Monteviasco - Viasco, Curiglia - Ponte di Piero (Link); Ponte di Piero - Monteviasco - Capanna Merigetto (Link); Ponte di Piero -  Monteviasco - Indemini - Biegno - Piero (Link); Pradeccolo - Alpone (Link).

Si parte da Curiglia (a Luino si deve prendere la SP6; si sale dapprima verso Fornasette, prendendo a destra alla rotonda sul lungolago nei pressi del porto vecchio, proseguendo e attraversando poi Dumenza Stivigliano e Due Cossani fino ad arrivare in paese dove si può lasciare posteggiare agevolmente) e ci si inoltra subito per le belle vie pedonali dove si incontrano e si seguono i classici bolli bianchi e rossi. Ben presto si incontra la strada asfaltata , transitabile solo per i residenti, che porta a Sarona in circa mezzora. La salita è discretamente impegnativa e per lo più in mezzo ai boschi con la possibilità di incontrare qualche gregge di capre. Sarona è una bellissima sorpresa con le baite ben tenute e le stradine in sasso: conviene perdersi un po' tra le case ammirando il bel panorama ritrovando poi i segnali bianchi e rossi che a monte indicano la prosecuzione del sentiero verso Alpone (volendo la strada asfaltata riprende comunque fuori dall'abitato): è necessaria un'altra mezzoretta di cammino più pochi minuti per raggiungere la Madonna della Guardia che si raggiunge prendendo il tracciato segnalato verso il monte Lema. Per il ritorno, se non si vuole fare la strada fatta all'andata, è possibile effettuare un bel giro ad anello: bisogna scendere alle baite di Alpone e attraversarle, tenendo verso destra, fino ad incontrare l'attacco segnalato del sentiero che scende verso Ca' d Sass e Viasco. Il percorso, per lo più in mezzo al bosco e segnalato (facendo comunque attenzione perchè in qualche bivio i cartelli possono trarre in inganno), regala generose panoramiche sul lago Maggiore oltre a gradevoli sorprese nella stagione giusta.....

valle Veddasca: Curiglia

Valle Veddasca Curiglia

Curiglia

Curiglia

affresco a Curiglia

Affresco a Curiglia
Affresco per le via di Curiglia ripreso anche in un dipinto sui muri di Runo di Dumenza (link)

Curiglia

sulla strada verso sarona: Curiglia

Valle Veddasca Curiglia
Da queste parti passeggiare con le capre è normale: cagnolini al guinzaglio

Val Veddasca
Sarona in vista

Val Veddasca Curiglia Sarona

Val Veddasca Curiglia Sarona

sarona
Sarona

Sarona

Sarona

Sarona

Val Veddasca Curiglia Sarona

Sarona

Sarona

Val Veddasca Curiglia Sarona
Sarona

sarona

Alpone di Curiglia
Madonna della Guardia in località Alpone

Madonna della Guardia

MAdonna della Guardia

affresco

val Veddasca
Panorama con capra, dall'Alpone

sentiero Alpone Viasco
Panorami sul lago Maggiore

Curiglia val Veddasca
Bel panorama sul lago Maggiore dal sentiero che dall'Alpone porta a Ca' De Sass

val veddasca
piacevoli incontri nella giusta stagione
Val Veddasca Curiglia
Curiglia


Val Veddasca
Curiglia

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...