venerdì 25 ottobre 2013

Alpe Devero – Crampiolo

 Festa dul Scarghè a Crampiolo

Festa del scarghè


Dopo l'escursione al lago Nero e al monte Cazzola (Link al post dove trovate anche altri percorsi all'interno del parco regionale Veglia Devero e le indicazioni per raggiungere il punto di partenza dell'escursione) ecco un nuovo post dedicato all'Alpe Devero. Oggi parliamo di Crampiolo, una delle mete più conosciute ed agevolmente raggiungibili per chi non ama itinerari a piedi troppo lunghi: partendo dal centro del piccolo paesino lo si può raggiungere in 30, 40 minuti.

I percorsi possibili sono 3, fattibili tutto l'anno (tranne uno sconsigliato nei periodi invernali) a piedi o con le ciaspole e ben segnalati. Prendendo come punto di partenza il ponticello sul torrente in centro paese troviamo subito i cartelli per il primo tragitto: bisogna prendere il sentiero a destra (verso la casetta in legno del centro di accoglienza turistica), riattraversare il torrente per poi proseguire in salita e superare alcune baite. Si cammina in mezzo ai larici con splendidi scorci sul torrente sottostante senza mai fare troppa fatica (tranne un paio di “strappetti” che servono a superare i circa 100 metri di dislivello) fino a scorgere le abitazioni del piccolo borgo non molto dopo il bivio per gli itinerari verso il grande est.
Il secondo percorso (pericoloso durante il periodo invernale), forse il più breve ma anche il meno caratteristico, inizia al principio della piana dell'alpe Devero, sempre segnalato poco dopo aver oltrepassato la locanda Fattorini (deviazione verso destra). Il terzo sentiero per andare a Crampiolo dall'alpe Devero lo si inizia alla fine della piana nei pressi del rifugio Cai Castiglioni ed è anche conosciuto come sentiero natura. Anch'esso ben segnalato può essere allungato con una deviazione verso il lago delle Streghe o lago Azzurro.
A Crampiolo, attorno alla metà di settembre, si tiene la festa dul Scarghè che si propone di festeggiare la discesa del bestiame dall'alpe. L'intenzione è quella di rilanciare una tradizione tipica delle antiche comunità alpine che ricavavano gran parte del loro sostentamento dalle attività connesse all'allevamento di mucche, capre e pecore. L'inizio e la fine della stagione legata allo spostamento del bestiame agli alpeggi rappresentavano vere e proprie feste di paese che interessavano l'intera comunità. Accanto a musica, giochi e momenti religiosi c'è la possibilità di incontrare i produttori locali ed assaggiare i loro prodotti. 

parco regionale veglia devero

parco regionale Veglia devero

parco regionale Veglia devero

alpe devero

parco regionale Veglia devero

parco regionale Veglia devero

parco regionale Veglia devero

parco regionale Veglia devero

parco regionale Veglia devero

parco regionale Veglia devero

parco regionale Veglia devero

parco regionale Veglia devero

parco regionale Veglia devero

parco regionale Veglia devero

parco regionale Veglia devero


parco regionale Veglia devero

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...